RACCOLTA DIFFERENZIATA A VASTO SECONDO I MIGLIORI STANDARD DISPONIBILI

 
 

Non ha tardato ad arrivare la risposta del Comune di Vasto al comunicato del M5S sulla raccolta differenziata come “beffa” per i condomini:

“La raccolta differenziata a Vasto – spiega l’assessore alle Politiche Ambientali, Paola Cianci – è impostata dal Capitolato d’Appalto del Comune secondo i migliori standard tecnici disponibili nel settore.
Sono stati previsti, infatti, contenitori di nuova generazione dotati di microchip, nuove frequenze, servizi per particolari categorie (pannolini, negozi, etc.). Inoltre, Pulchra ha voluto mettere a disposizione una app per smartphone per facilitare la separazione dei materiali presso le proprie abitazioni.
Non sono stati previsti, né annunciati, “controlli più serrati” come invece tendenziosamente riportato nel comunicato del Movimento 5 Stelle. Con i microchip vi è la possibilità di facilitare le normali attività di controllo che il Comune deve svolgere sul conferimento dei rifiuti da parte di tutti, affinché sia garantito il riciclo dei materiali. La corretta identificazione dell’appartenenza dei contenitori è elemento essenziale per conferimenti di rifiuti ordinati, razionali e eventualmente controllabili.
In caso di condomini o complessi abitativi è normale il conferimento aggregato mediante bidoni condominiali. È così ovunque ed è sempre stato così a Vasto.
Infatti il conferimento aggregato – conclude Cianci – è anche previsto dall’art. 7 del decreto del Ministero dell’Ambiente 20/04/2017 sulla tariffa puntuale. L’impostazione data al servizio, infatti, è quella basilare per poi precedere, a seguito di attente valutazioni, all’eventuale tariffazione puntuale della tassa rifiuti. Il condominio, quindi, è chiamato alla propria responsabilità solo se non è possibile accertare l’autore singolo dell’infrazione”.
“Le continue iniziative di sensibilizzazione .- ha concluso il sindaco, Francesco Menna – servono proprio a coinvolgere tutti i cittadini nell’importanza di una corretta separazione dei rifiuti.
È bene ricordare che differenziare i propri rifiuti è un dovere civico fondamentale per contribuire alla sostenibilità ambientale e alla civile convivenza, oltre che un obbligo di legge. Non servono incentivi per svolgere un gesto semplice e così importante per la propria comunità e per l’ambiente come per il codice della strada”.