Mascherine e assembramenti, controlli della Polizia Locale di San Salvo

 
 

“Possiamo ben comprendere che soprattutto da parte dei più giovani ci sia insofferenza verso l’uso della mascherina e il divieto di assembramento. Capiamo che tra i giovani c’è voglia ritrovarsi per strada, ma la salute individuale e collettiva è più importante dello stare insieme.  Abbiamo tutti  l’obbligo di indossare la mascherina oltre al divieto di assembramento. Proprio per questo  è stata disposta la didattica a distanza che di fatto impedisce ai ragazzi di frequentare le lezioni in classe”. A dichiararlo il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca che ha predisposto una serie di controlli specifici nei parchi e negli spazi dove si riuniscono i giovani anche a seguito delle numerosissime segnalazioni dei cittadini.

A ciò si aggiunga che i Comuni nelle norme anti Covid 19 hanno l’obbligo particolare di verificare e controllare piazze, vie e parchi.

“Sono state identificate diverse decine di persone, in particolari moltissimi minori, i cui nominativi saranno ora inviati per ulteriori controlli in Prefettura per eventuali sanzioni e conseguente segnalazione al Tribunale dei minori, che vedranno anche il coinvolgimento dei genitori” specifica l’assessore alla Sicurezza Fabio Raspa.

“Questi controlli proseguiranno nei prossimi giorni – conclude il sindaco Magnacca – perché tutti siamo obbligati al rispetto delle norme previste dal Decreto del presidente del Consiglio dei ministri che impone l’uso, sempre e comunque, della mascherina, del distanziamento sociale e di ridurre al massimo gli spostamenti che sono stati limitati e consentiti solo per motivi di lavoro, studio, salute e per vere esigenze di necessità”.