Insacchettamento cemento, Fratelli d’Italia-An: “Disattese le promesse ambientaliste di Menna e Cianci”

 
 

VASTO. “Viva preoccupazione per le ultime notizie apprese in merito alla Valutazione di Incidenza Ambientale sottoscritta dal dirigente del settore urbanistica del Comune di Vasto. Pur considerandola un documento tecnico, non condizionato dalla volontà politica, la Vinca rappresenta un altro, ulteriore passo verso il definitivo via libera alla azienda di insacchettamento del cemento nella fascia di protezione esterna di Punta d’Erce”. Lo afferma il circolo cittadino di Fratelli d’Italia-An di Vasto.

“Il sistema politico del Partito Democratico – si legge ancora nella nota – che da dodici anni ha asservito il nostro territorio a interessi economici e politici esterni, sta dimostrando in questi giorni il suo cortocircuito. Dopo essersi riempiti la bocca di promesse ambientaliste, Francesco Menna e Paola Cianci balbettano parole contraddittorie e nel frattempo cercano di far digerire la pillola del ‘cementificio’ ai cittadini, seguendo le direttive che vengono da Pescara e da Roma. Un giorno ci parlano della zona di Punta Penna come Riserva immacolata, il giorno dopo esultano per la costruzione dell’ultimo miglio ferroviario” ha proseguito il circolo cittadino del partito di Giorgia Meloni che ha chiosato affermando come “è tempo di scelte nette, non di contraddizioni sempre meno sanabili. Insieme ai gruppi consiliari e alle forze politiche di centrodestra contrarie all’industria di insacchettamento del cemento, proporremo alla città un progetto di sviluppo sostenibile, e ci mettiamo fin da ora a disposizione di tutte le iniziative contro le scelte ipocrite e fallimentari del Pd locale e dell’Amministrazione Menna”.